VIDEO. ‘ A Mataluna è l’inno ideale della città. Capolavoro del cantautore Enzo de Angelis

 

Vincenzo De Angelis, in arte Enzo De Angelis è nato a Maddaloni nel 1982.

Ha iniziato a comporre sin dalla tenera età, con una voglia spasmodica di scrivere ma, soprattutto, di raccontare tutto ciò che i suoi occhi vedevano e le sue orecchie udivano.

La sua passione per la musica, ma anche per la scrittura, è venuta fuori intorno ai sette anni, in età scolare. Verso i dieci anni era, oramai, già un appassionato di scrittura, proprio come la sua mamma. De Angelis, molto conosciuto ultimamente sul territorio maddalonese, per la oramai canticchiata da tutti “’A Mataluna” è un autodidatta. Ha frequentato diversi corsi di canto con maestri d’eccellenza ma la sua voce è l’espressione della naturalezza che lui mette nel fare ogni cosa. Da sempre vicino al mondo dei bambini, ha partecipato a numerosi progetti scolastici in diversi istituti della Provincia di Caserta e non solo (tra questi ricordiamo anche “Il Villaggio dei Ragazzi”). Tutte le canzoni create in seno ai progetti musicali sono state scritte da Enzo De Angelis e musicate ed arrangiate da vari coautori, ed alcune di queste hanno avuto non poco successo. Tutti i proventi delle vendite dei cd sono stati donati ad associazioni internazionali e nazionali di volontariato e di difese dei diritti dei minori quali UNICEF e MANO AMICA. De Angelis ha raccolto nella sua ‘valigia’ premi illustri ed importanti come quello “Don Peppe Diana”, una canzone rap scritta per gli alunni di una scuola di San Felice a Cancello. Enzo, figlio di un falegname e di una dipendente della Soprintendenza ai Beni Culturali in servizio presso la Reggia di Caserta, cresciuto con la passione per Whitney Houston, ha scritto e cantato con diversi personaggi del mondo della musica napoletana e non ne ricordiamo qualcuno: Francesco Merola figlio del re di Napoli il grande Mario Merola, il quale scrisse la canzone “Come un’alba” che ebbe un buon successo, scritta per partecipare al festival di San Remo. Negli ultimi anni sta coltivando la passione per le tradizioni locali e per una ripresa dei valori che “oramai è affossata e non riesce a venire a galla”. La sua “musa ispiratrice” rimane ancora per tutti un mistero.Da qualche mese è in fase di registrazione la sua nuova canzone “Uanema Santa” che presto ascolteremo. La sua passione lo ha portato a cantare anche in America.

L’amore viscerale per la sua città lo ha condotto alla composizione del brano nel video, consacrato dagli stessi maddalonesi come inno della loro città, tanto che durante il lockdown, Enzo, per alcune sere, è salito in cima al  palazzo in cui vive per intonarlo, unendo idealmente con un grande abbraccio la città.

 

Fonte: BelvedereNews – articolo di Lucia Grimaldi

QR Code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto