Giancarlo Offreda, artista per la pace, realizza un dipinto in memoria di Paolo Borsellino

Giancarlo Offreda, l’autore del recente dipinto in onore del Magistrato Paolo Borsellino, è autore degli otto pannelli che compongono la porta bronzea della cappellina di San Sisto fuori le mura, raffiguranti la storia del santo Patrono della diocesi di Alife.
La porta d’ingresso dell’antica cappella di San Sisto fuori le mura, luogo in cui sostarono le reliquie di San Sisto I, portate da Roma dal Conte Rainulfo. Sulla porta bronzea si possono osservare 8 pannelli raffiguranti la storia di San Sisto e del suo legame con Alife a partire dall’epidemia di peste che colpì la città costringendo il conte Rainulfo Drengot a chiedere il corpo di un “gran santo” al papa Anacleto, direttamente a Roma. I pannelli sono stati realizzati dall’artista alifano Giancarlo Offreda, autore del bellissimo dipinto realizzato in onore del Magistrato Paolo Borsellino inaugurato il 19 Luglio ad Alife durante la commemorazione del 29° anniversario della Strage di Via D’Amelio, la serata si è svolta davanti all’Albero di magnolia dedicato ai magistrati antimafia e alle vittime delle due scorte.

Storia della porta

Il progetto degli 8 pannelli risale al 1990 quando l’allora parroco don Pasquale Bisceglia e il sacerdote don Enrico Piccioni ne discutono con l’artista alifano Giancarlo Offreda, allievo del noto Augusto Perez all’Accademia delle Belle Arti a Napoli. Solo nel 1992 il compimento definitivo dell’opera costato 6 mesi di lavoro ininterrotto per Offreda: dalle bozze, alle sculture in creta, per poi passare a seguire personalmente il lavoro presso la nota fonderia Marinelli di Agnone, e la progettazione del telaio in acciaio e ottone affidata alla bottega del fabbro locale Lucio Rapa. 8 pannelli raffiguranti la storia di San Sisto e del suo legame con Alife a partire dall’epidemia di peste che colpì la città costringendo il conte Rainulfo Drengot a chiedere il corpo di una “gran santo” al papa Anacleto, direttamente a Roma.

Un tratto umile, pacato, “facile da leggere”, spiega l’artista Offreda, il quale scostandosi momentaneamente dal suo tratto artistico essenziale e veloce, fatto di segni poco dettagliati, sceglie di raccontare una storia di fede e di devozione “per permettere agli alifani di ritrovarsi, senza difficoltà di interpretazioni, nelle scene narrate” (tratto da Clarus).

L’artista Giancarlo Offreda ha insegnato in varie scuole, è attualmente Docente di Arte e Immagine presso l’ Istituto Comprensivo “Garibaldi – Montalcini” di Vairano Patenora (CE). Parallelamente alle attività artistiche svolge numerose attività collaterali nel settore delle arti visive, con produzioni nel campo del restauro, design, orafo, scenografico, arredamento, fotografia e recensione d’arte.

Attività Artistica (1996)

Autore del Tondo bassorilievo in bronzo fuso dedicato alla Madonna della Grazia, presso l’omonimo Santuario in Alife (CE).

Attività Artistica (2000)

Realizzazione di un mezzo busto in bronzo del Conte Rainulfo III, Cripta della Chiesa Cattedrale “Santa Maria Assunta” in Alife (CE)

Attività Artistica (2021)

Autore del dipinto su tela raffigurante il Magistrato Paolo Borsellino, la Strage di Via D’Amelio ed Emanuela Loi, la prima donna della Polizia di Stato che ha fatto parte di una scorta, vittima di mafia.

Lungo la sua carriera artistica ha ottenuto moltissimi riconoscimenti e premi:

(1-3 ottobre 1976)

Primo Classificato al Concorso di Disegno del 2° Festival dell’Avanti! – Zona del Matese.

Riconoscimenti e premi (1979)

1° Premio per la Scultura – Città di San Giorgio a Cremano (NA).

Riconoscimenti e premi (1980).

1° Premio per la Pittura – Mostra d’Arte sul tema “Ecologia” – Città di Calvi Risorta (CE).

Riconoscimenti e premi (1981).

Medaglia d’oro “Premio Primavera”, patrocinio della rivista d’arte e cultura “L’Arpi 74” – Foggia.

Riconoscimenti e premi (1983)

2° Premio per la scultura “Tema libero”, Associazione Storica del Medio Volturno – Piedimonte Matese(CE).

Riconoscimenti e premi (1989)

1° Premio di Pittura, Associazione Storica del Medio Volturno – Piedimonte Matese (CE).

Presentazioni (1992):

Esposizione ad “Arte e Fiera” – Bologna

Attività Artistica (1992):

Realizzazione per la Parrocchia “S. Sebastiano” in Alvignano (CE) di un bassorilievo in terracotta raffigurante scene evangeliche.

Attività Artistica (1993):

Realizzazione di un portone in bronzo fuso per la storica Cappella fuori le mura dedicata a San Sisto I in Alife (CE).

Riconoscimenti e premi (1994).

2° premio al XXII Concorso di carri allegorici – Comune di Pietramelara (CE).

Riconoscimenti e premi (1995).

1° premio al XXIII Concorso di carri allegorici – Comune di Pietramelara (CE).

Attività Artistica (1993 – 1999)

Direttore artistico al Department of the Navy – U.S. Naval Support Activity Moral, Welfare and Recreation Department in Napoli.

Riconoscimenti e premi (6 giugno 2000):

Contributo al raggiungimento del 1° posto nel Concorso “I giovani e la Costituzione” bandito dalla Direzione Generale dell’ U.S.R. per la Campania e dalla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” per gli alunni della Scuola Primaria, Secondaria di I grado e di II grado.

Riconoscimenti e premi (6 maggio 2008):

Nomina di “Artista per la Pace” da parte di “Movimento Internazionale per la Pace e salvaguardia del Creato” e “Movimento degli Ambasciatori – Testimoni a Artisti per la Pace” – Scuola Media “Don Carlo Monaco” di Ailano.

Riconoscimenti e premi (12 dicembre 2008)

Nomina di “Artista per la Pace” da parte di “Movimento Internazionale per la Pace e salvaguardia del Creato” e “Movimento degli Ambasciatori – Testimoni a Artisti per la Pace” – Scuola Media “N. Alunno”, di Alife(Ce).

Donazione (2016)

Donazione a Don Domenico La Cerra di un tondo bassorilievo in bronzo fuso.

Appartenenza a gruppi /associazioni: Azione Cattolica – Alife (CE); Archeoclub – Alife (CE); Arcieri del Matese – Piedimonte Matese (CE).

QR Code

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto